Home > Parco Archeologico “Genna Maria” di Villanovaforru

Parco Archeologico “Genna Maria” di Villanovaforru

Posta sulla sommità della omonima collina a breve distanza dall’ingresso dell’abitato, da cui si gode un notevole panorama che spazia dal golfo di Cagliari al Gennargentu, l’area archeologica è stata scavata a partire dal 1969. I lavori hanno riportato alla luce un interessante e vasto complesso, che si articola in una struttura a più torri contornata da cortine murarie e da un villaggio di capanne. Intorno alla fine dell’VIII secolo a.C. il villaggio fu distrutto, ma i reperti testimoniano che l’area fu frequentata anche in epoca punica, periodo nel quale il nuraghe venne utilizzato come area sacra per il culto della dea Demetra. L’uso a fini religiosi legati all’agricoltura perdurò in seguito sotto la dominazione romana, che qui espresse la propria devozione a Cerere fino al IV secolo d.C.

Il complesso ha restituito numerose testimonianze di diverse epoche, per la gran parte esposte nel Museo archeologico di Villanovaforru

 

genna_ma_arch

Parco archeologico Genna maria